QCAD 3.13.0


E’ da poco disponibile un nuovo aggiornamento per QCAD, il CAD 2D multi – piattaforma della Ribbonsoft utilizzata nella sua versione community in origine come base di LibreCAD. L’ultima versione ora a disposizione per il download è QCAD 3.13.0.

Ricordo sempre che QCAD è un software multi – piattaforma ed è disponibile in tre varianti versioni. Ovvero: nellaversione PRO quella a pagamento, nella versione base gratuita e nella versione community come softwareOpen Source.

Le modifiche e gli aggiornamenti di QCAD 3.13.0 rispetto alla versione precedente la 3.12.8 sono:

  • Per il solo QCAD Professional: 
    • strumenti dalla linea di comando:
      • aggiunta l’opzione minimo spessore di linea per dwg2pdf;
  • Aggiunto la preferenza per mostrare o nascondere la barra delle schede:
    • Edit > Application Preferences > Widgets > Tab Bar;
  • Editor di proprietà:
    • Mostra area di polilinee;
    • Aggiungere preferenza per mostrare e modificare le proprietà di livello corrente e blocco corrente da: Edit > Application Preferences > Widgets > Property Editor > Display properties of current block and current layer;
  • Dimensioni: Aggiungi simbolo arco da quotare Strumenti Opzioni barra degli strumenti e menu di scelta rapida per le modifiche di line:
  • Disponibile anche in Olandese nuova traduzione dell’interfaccia utente;
  • e la correzione di bug quali:
    • FS#1386 – Application outside visible desktop area after disconnecting second screen;
    • FS#1388 – Edit > Application Preferences > Dimension Settings: Architectural tick has no effect;
    • FS#1389 – Modify > Chamfer / Bevel: edge entities trimmed to corner;
    • FS#1390 – Lengthen / shorten line with shift drag and drop;
    • FS#1391 – Trimming internally tangential arcs;
    • FS#1392 – Block > Insert Block: keep proportions;
    • FS#1393 – Edit > Application Preferences > Graphics View > Appearance > Show scrollbars;
    • FS#1395 – Block reference not selectable;
    • FS#1396 – View > Zoom > Window Zoom: magnifying glass cursor not shown;

Per vedere tutti i cambiamenti di questa e delle altre versioni delle nuove aggiunte o dei problemi riscontrati e risolti, basta andare alla pagina qcad – changelog.

Anche in questa versione come accade ormai da un pò, non verranno più scaricati la versione community e quella professional separatamente. Infatti, ci troveremo installato QCAD con in versione di prova gratuita gli add-on della versione PRO. Gli add-on il consistono nel supporto DWGPRO TOOLS e CAM. Avremo quindi installato con durata di tutte le funzioni a tempo la versione Trial di QCAD Professional, e scaduto il tempo di prova che dura 15 minuti a sessione si proseguirà con l’utilizzo della versione community. Per riutilizzare gli add-on bisogna riavviare il software.

Se vogliamo invece utilizzare QCAD in tutto e per tutto in versione Community bisogna disinstallare i componenti aggiuntivi di prova a tempo. Per disinstallare i componenti aggiuntivi, basta cliccare sulla “X” accanto al componente aggiuntivo evidenziato a destra nella finestra di prova.

Da vedere anche QCAD Command Line Tools pagina che illustra alcuni strumenti da riga di comando che consentono la conversione batch dei file di disegno CAD (aggiornato al 15 marzo 2016).

Sito ufficiale di QCAD da dove si scarica l’ultima versione del software. Disponibile per Windowsa 32 e 64 bit con pieno supporto a Windows 10, per Linux a 32 e 64 bit e per Mac OS X versioni per gli OS 10.11, 10.10, 10.9, 10.8, 10.7, 10.6 solo processori Intel. Per il download;

Il codice sorgente di QCAD e solo il sorgente è rilasciato sotto i termini della (GPL v3GNU General Public Licenseversione 3. Per vedere tutte le licenze vedere il file LICENSE.txt ;

Questo invece il sito della Ribbonsoft da qualche tempo è disponibile una sola versione quella Professional al costo di  33.00 €  mentre ulteriore consegne avverranno su supporto CD-ROM al costo di € 12.00 (prezzo incrementato di €2).

NOTA: Subito un aggiornamento. Rilasciato QCAD 3.13.1  per risolvere il il bug:

  • FS#1397 – Property Editor: editing redundant properties

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*