Autodesk Meshmixer 2.7 rilasciato


Aggiornamento per Meshmixer il software di progettazione basato sulle mesh triangolari dinamici ad alta risoluzione della Autodesk ormai divenuto un punto fermo nelle app di Autodesk 123D.

Autodesk Meshmixer 2.7 è stato rilasciato il 26 novembre 2014 poco oltre un mese dopo il rilascio dell’ultima versione.

verione 2.7 (10.7.84) su Windows a 64 bit

verione 2.7 (10.7.84) su Windows a 64 bit

La versione 2.7 disponibile per Windows a 32 e 64 bit e per Mac OS X, portano dei miglioramenti e delle aggiunte ancora sopratutto per la stampa 3D. Più nel dettaglio gli aggiornamenti e le modifiche della nuova versione rispetto allas precedente sono:

  • Nuovo strumento Layout/Packing per il layout di base cella stampa 3D;
  • Nuovo strumento Deviation per analizzare le differenze tra le maglie;
  • Nuovo strumento Clearance per verificare le tolleranze;
  • Aggiunta allo strumento Reduce ora effettua il conteggio dei triangoli e la deviazione massima;
  • Miglioramenti alla Structure Generation;
  • Opzioni booleane per le parti solide;
  • Print Bed ora visibile nel Modeling View;
  • Migliorato il supporto per hardware grafico di fascia bassa.

Sempre molto aggiornato e da seguire per scoprire tutti i segreti del software il canale su YouTube Autodesk Meshmixer 101 con tanti video didattici.

Autodesk aveva acquistato il software nel 2011. Ed ora, il suo sviluppatore principale Ryan Schmidtde scrive il software come uno strumento gratuito e potente per creare i proprio prodotto 3D senza troppo fastidio.

Meshmixer è un programma di progettazione basato su mesh triangolari (così come suggerisce il nome stesso) dinamici ad alta risoluzione ed ora con una forte attenzione alla stampa 3D.

Per vedere tutti gli articoli sul blog di questo software questo il link: tag meshmixer;

Meshmixer è disponibile per sistemi operativi Mac OS X e per Windows a 64 e 32 bit. Per scaricare l’aggiornamento il sito è Meshmixer.com o su 123D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*