DRM in HTML5, approva Tim Berners-Lee


Proprio il presidente del W3C Tim Berners-Lee nonchè creatore del World Wide Web ha annunciato l’avvio dei test che potrebbe portare il DRM prossimamente in HTML5.

Dopo questo annuncio naturalmente sono arrivate le prime proteste da parte della Electronic Frontier Foundation (EFF) e Free Software Foundation (FSF) (dove nel sito in primo piano compare il link che rimanda all’articolo “Tell W3C: we don’t want the Hollyweb!” che incita a firmare la petizione firmata ad ora da più di 28.600 persone sotto l’immagine per pubblicizzare e diffondere l’iniziativa).

 Fonte fsf: Cliccando l'immagine si verrà indicizzati all'articolo dove si può firmare la petizione.

Fonte fsf

Ma a nulla sembra essere servito le proteste ed i mesi di rinvio, quindi è stato dato il via libero allo sviluppo dello standard che bloccherà la riproduzione e l’uso dei contenuti multimediali all’interno dei siti naturalmente creati con tecnologia HTML5, con il browser che in futuro potrà impedire anche alcune operazioni tra le più banali, quale per esempio il download di un’immagine.

Naturalmente favorevoli come era facile capire sono Microsoft, Google e Netflix i quali propongono ancora di esaminare la proposta fatta relativa alle Encrypted Media Extensions (EME). Cioè creare delle API per controllare la riproduzione di contenuti protetti come già accade già accade nel broswer di casa Microsoft IE11.

Corriamo davvero il pericolo che il Web così come lo conosciamo oggi possa scomparire questo quello che pensa la EFF.

Logo a banner di HTML5

Logo a banner di HTML5

Introducendo il DRM nel futuro HTML5, porterebbe alla fine anche di quelle due tecnologia che attualmente dettono legge per la riproduzione da browser e che si devono installare come plugin a parte quali Adobe Flash Player e Microsoft Silverlight.

L’avvio dei test del DRM su HTML5 è stata presa dopo che i grandi studi cinematografici statunitensi avevano annunciao di volere rimuovere i film dal web…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.