Italia centrale, i terremoti del 18 gennaio 2017 osservati dai satelliti Sentinel-1 e ALOS-2


Nonostante la copiosa copertura nevosa e le condizioni meteorologiche avverse, i satelliti Sentinel-1ALOS-2 hanno consentito a un gruppo di ricercatori dell’Irea-Cnr di rilevare la deformazione della superficie terrestre indotta dalla recente sequenza sismica dell’Italia centrale, la cui scossa principale ha raggiunto la magnitudo di 5.5 il 18 gennaio 2017.

Grazie alla elaborazione congiunta di due immagini radar acquisite a cavallo dell’evento principale dalla costellazione Sentinel-1 del programma europeo Copernicus, è stato possibile generare l’interferogramma co-sismico (Figura 1a), una mappa che permette ai ricercatori di collegare direttamente il segnale radar allo spostamento del suolo.

Sfruttando i dati di ALOS-2 dell’Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA), è stata effettuata un’analisi simile che conferma i risultati ottenuti tramite i dati di Sentinel-1 (vedi figura 1b).

A partire dagli interferogrammi generati, sono state poi derivate le corrispondenti mappe di deformazione che mostrano (vedi figure 1c e 1d) l’allontanamento della superficie terrestre dal satellite fino a un massimo di circa 10 cm in un’area a sud di Amatrice. Uno zoom dell’area affetta dalle deformazioni co-sismiche  (rappresentate in rosso) è mostrato in figura 2.

Figura 1 - a) Interferogramma co-sismico da dati radar Sentinel-1 relativo alla coppia 12012017-24012017 ascendente (Track 117). b) Interferogramma co-sismico da dati radar ALOS-2 relativo alla coppia 02112016-25012017 ascendente (Track 197). c) Mappa

Figura 1 – a) Interferogramma co-sismico da dati radar Sentinel-1 relativo alla coppia 12012017-24012017 ascendente (Track 117). b) Interferogramma co-sismico da dati radar ALOS-2 relativo alla coppia 02112016-25012017 ascendente (Track 197). c) Mappa

Queste mappe sono state successivamente fornite all’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) per consentire di modellare la sorgente che ha causato l’evento sismico.

Un’analisi più dettagliata è fornita al seguente link.

L’attività è coordinata dal Dipartimento della Protezione Civile (DPC) e viene eseguita da un gruppo di ricerca dell’Istituto per il riilevamento elettromagnetico dell’ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Ireadi Napoli) e dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), che sono Centri di competenza nei settori dell’elaborazione dei dati satellitari e della sismologia, rispettivamente, con il supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

Il programma Copernicus è diretto dalla Commissione Europea. L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) gestisce i due satelliti Sentinel-1 ed ha anche il compito di sviluppare i satelliti Sentinel.

I dati ALOS-2 sono stati forniti dalla JAXA nel quadro di un accordo con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) per lo scambio di dati utili alla gestione delle emergenze.

L’attività è stata anche supportata dal progetto GEP dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e dal progetto “Infrastruttura di Alta tecnologia per il Monitoraggio Integrato Climatico-Ambientale” (I-AMICA) finanziato dal MIUR nell’ambito del Programma Operativo Nazionale (PON).

Via CNR – News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.