Libera Scuola


Nelle scorse settimane il Governo ha lanciato l’iniziativa “La Buona Scuola“, consultazione pubblica destinata a raccogliere spunti ed idee per migliorare il funzionamento ed i contenuti della scuola in Italia. Italian Linux Society risponde a modo suo all’appello, approfittando dell’occasione per mettere nuovamente in evidenza l’esigenza di fornire alla didattica strumenti moderni ed efficaci pur tutelando la liberta‘ e la privacy di studenti ed insegnanti, l’autonomia delle istituzioni scolastiche, e anche le piu’ che mai tormentate finanze.

Banner la buona scuola fonte ILS.org

Banner la buona scuola fonte ILS.org

Nasce “La Libera Scuola“, iniziativa con cui intendiamo consigliare alcune soluzioni, software e non, esistenti e di alta qualita’, ma soprattutto avanzare le nostre proposte e le nostre richieste al Ministero per l’Istruzione. Pochi e semplici spunti mirati a facilitare – o quantomeno non discriminare – l’utilizzo di software libero, e ad adottare un modello collaborativo e partecipato all’interno dell’intero sistema educativo (che coinvolga anche l’universita’).

Dopo le ammissioni in merito all’infausta scelta delle Lavagne Interattive Multimediali, e premessi i nuovi propositi relativi all’insegnamento delle basi di informatica ai ragazzi (dunque: non l’uso passivo di Word ed Excel, ma gli algoritmi e la programmazione), speriamo che il Governo non perda nuovamente l’opportunità di ascoltare e coinvolgere direttamente gli esperti del settore, coloro che da anni gia’ percorrono la strada della consapevolezza tecnologica sui banchi di scuola.

Via Italian Linux Society

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.