LibreOffice 5.2 “Fresh”


The Document Foundation (TDF) ha da poco annunciato il rilascio di LibreOffice 5.2 “Fresh“, aggiornata da poco anche la versione “Still” con l’ultima versione a disposizione la 5.1.5.

LibreOffice la suite per l’ufficio Open Source, ricca di funzionalità, che tiene testa a tutti gli altri prodotti nella stessa categoria, ma emerge per le migliori funzioni di interoperabilità.

LibreOffice 5.2 major release ricca di funzionalità e con miglioramenti che riguardano anche l’interfaccia utente e caratteristiche di qualità aziendali. Come detto aggiornamento anche di LibreOffice 5.1.5Still” per le implementazioni di classe enterprise e per l’utilizzo in produzione.

Fonte blog.documentfoundation

Fonte blog.documentfoundation

LibreOffice 5.2Fresh” (anche se al momento del’installazione la versione che compare è la 5.2.0.4) fornisce classificazione dei documenti secondo lo standard TSCP, e un insieme di miglioramenti in Calc. Supporta inoltre più tipi di firme digitali e l’importazione, esportazione di firme con formato dei file OOXML. Aggiunto inoltre il supporto dei caratteri jolly nelle formule, per la compatibilità con XLS/XLSX e ODF 1.2.

LO5.2.0.4

Miglioramenti anche per Writer per interoperabilità di importazione per i file DOCX e RTF, e l’aggiunta del supporto per Word per i documenti legacy DOS.

In termini di user experience è stata aggiunta una modalità a single toolbar ai programmi Writer e Calc per aiutare a concentrarsi sul contenuto, e icone alla toolbar per rendere più funzioni e fluido l’utilizzo. E, per un controllo ancora maggiore, la maggior parte dei menu contestuali possono essere personalizzati.

Altre nuove funzionalità di LibreOffice 5.2 sono:

  • I nuovi strumenti di disegno, tra le curve piene, poligoni e linee a mano libera, sono stati aggiunti a tutti i moduli di programma;
  • Per Writer:
    • Aggiunta l’opzione stampa su file nella lista delle stampanti;
    • Supporto per l’autenticazione a due fattori per l’archiviazione su Google Drive;
    • Il pulsante Salva nella barra degli strumenti include l’opzione Salva come Modello.
  • Per Calc:
    • Sono state aggiunte nuove funzioni, insieme con ampie descrizioni dei comandi che ne spiegano il funzionamento;
    • Possibilità di attivare contemporaneamente più funzioni sulla barra di stato;
    • L’icona della barra degli strumenti di valuta ora include un menu a discesa per scegliere rapidamente la valuta che si desidera utilizzare;
    • Quando si toglie il bordo da una cella, c’è la possibilità di toglierlo anche alle celli adiacenti.
  • Per Impress:
    • Quando si lavora con animazioni personalizzate, ora è possibile aggiungere rapidamente un effetto a un elemento tramite la barra laterale;
    • L’elenco degli effetti della barra laterale comprende ora una descrizione dell’effetto;
    • Nella proprietà barra laterale, disponibile un nuovo pannello Sfondo della Slide che consente di cambiare rapidamente il formato dell’immagine, l’orientamento e lo sfondo.

Per un elenco migliore delle nuove caratteristiche si veda il file PDF sul wiki e sul sito di LibreOffice.

Il filmato visibile sotto sulle funzioni generali e altri brevi filmati sulle funzioni della versione 5.2 per i  tre programmi principali che costituiscono la suite “Writer, Calc e Impress” sono visibili su YouTube al link.

LibreOffice 5.2 “Fresh” rappresenta la versione più aggiornata quindi non esente da bug, e come tale è rivolto ad appassionati di tecnologia e coloro che per prima vogliono provare le nuove caratteristiche.

Per l’utilizzo in ambito aziendale, TDF raccomanda la versione più matura “Still” e suggerisce di ricorrere sempre al supporto di professionisti certificati sulla base delle best practice per la migrazione, la formazione e la soluzione degli eventuali bug (http://www.libreoffice.org/get-help/professional-support/).

Per scaricare le ultime versioni disponibili della nota suite d’ufficio “rilasciata daTDF, questi i link per il download della versione “Fresh” e “Still“.

Da segnalare che la “LibreOffice Conference” nel 2016 sarà ospitata dalla Facoltà di Information Technology a Brno University of Technology, e organizzato da OpenAlt, dal 7 al 9 settembre.

Gli utenti LibreOffice, e i sostenitori tutti del software libero e i membri della comunità possono sostenere The Document Foundation con una donazione: http://donate.libreoffice.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.