LibreOffice 6.1.4


The Document Foundation ha annunciato l’aggiornamento per LibreOffice Fresh. Disponibile infatti LibreOffice 6.1.4. Questo rilascio rappresenta la quarta versione minore della famiglia LibreOffice 6.1, e viene rilasciata un mese e mezzo dopo la versione 6.1.3.

LibreOffice 6.1.4

LibreOffice 6.1.4 Fresh, rappresenta la più aggiornata e quella versione che presenta le prime novità, questo a discapito della stabilità e come si ripete sempre non esente da bug quindi destinato agli appassionati di tecnologia ed agli utenti che vogliono in anteprima provare le novità.

LibreOffice 6.1.4 rispetto alla versione precedente rappresenta un netto miglioramento in termini di funzionalità e bug corretti ben 120 riscontrati in tutti i componenti della suite, ma nonostante questo rimane come versione Fresh.

Come sempre i dettagli tecnici relativi alla release sono disponibili sia per la RC1 che per la RC2.

Come sempre The Document Foundation annunciando il rilascio tiene a specificare che questa versione rappresenta un vantaggio in termini di funzionalità per le suite per ufficio open source e, in quanto tale, non è ottimizzato per le distribuzioni di classe enterprise, in cui le funzionalità sono meno importanti della robustezza. Gli utenti che desiderano una versione più matura possono scaricare LibreOffice 6.0.7, che include alcuni mesi di correzioni back-ported.

TDF suggerisce di ricorrere sempre al supporto di professionisti certificati sulla base delle best practice per la migrazione, la formazione e la soluzione degli eventuali bug (http://www.libreoffice.org/get-help/professional-support/).

Entrambe le versioni sono immediatamente disponibile dal seguente link . I requisiti minimi per i sistemi operativi proprietari sono Microsoft Windows 7 SP1 e Apple macOS 10.9. Le build dell’ultimo codice sorgente di LibreOffice Online sono disponibili come immagini Docker.

Per scaricare le ultime versioni disponibili della nota suite d’ufficio “rilasciata da TDF, questi i link per il download della versione “Fresh” e “Still“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.