Darktable 1.6.6


Darktable 1.6.6 è l’ultimo aggiornamento di questo software Open Source per l’editing fotografico di tipo non distruttivo, paragonabile per gli strumenti a disposizione a molti software commerciali.

Darktable 1.6.6 è a discapito del numero di versione il quinto aggiornamento della serie 1.6. Infatti la versione 1.6.5 non è neanche stato rilasciato ma era nato con dei bug e si è preferiti rilasciare subito la versione 1.6.6.

Darktable come software di editing, utilizza il metodo non distruttivo. In pratica non va a modificare immediatamente il dato raster dell’immagine, ma mantiene il dato originale fino alla fase finale di esportazione e rende il software adatto sopratutto ai fotografi di professione anche perché è in grado di gestire un gran numero di immagini.

Le modifiche ed i miglioramenti per questa nuova releace non sono molti, ma comunque necessari per un nuovo rilascio. Questi sono:

  • fix per il supporto della Olympus E330 (supporto questo che c’era già ma che erroneamente è stato tolto nella versione 1.6.4);
  • fix nella lettura del bilanciamento del bianco per la Canon Powershot SX50 HS;
  • bilanciamento del bianco preset per RICOH GR;
  • alcune correzioni minori di bug quali: maschere, lenti di correzione, denoise profilato, ecc.

Per vedere tutte le nuove funzionalità ed i miglioramenti che Darktable 1.6.6 porta con se, questa la pagina del rilascio.

Darktable ha una interfaccia utente non proprio semplice da utilizzare per un neofita. Come funzioni lo possiamo comparare a Lightroom diAdobe. Software non per l’utilizzo di tutti perchè ci si addentra nella fotografia quindi più per i professionisti o al massimo gli appassionati della fotografia.

Darktable è disponibile pacchettizzata per tutte le distribuzioni principali Linux e per Mac OSX, ma anche per Solaris, FreeBSD. Purtroppo non c’è una versione compilata del software per Windows (sul link per le installazioni viene specificato che la comunità non ha contribuito a creare un installer. Se proprio si vuole installarlo lo si deve fare dai sorgenti).

Link alla Home del progetto;

Link per installare da terminale e per tutte le distro;

Link per il download da SourceForge;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*