Copernicus Climate Change Service (C3S). Informazioni sui cambiamenti climatici


Il servizio Copernicus Climate Change Service (C3S) viene realizzato con uno sforzo di collaborazione dei servizi meteorologici nazionali, delle università e degli istituti europei per fornire informazioni sulle variazioni climatiche e delle condizioni estreme del clima.

La domanda di servizi di informazione sul clima sta crescendo rapidamente in tutto il mondo. In Europa, la necessità di migliorare la qualità e la quantità dei servizi sul clima non è meno urgente. Anche i ricercatori e i responsabili politici hanno bisogno di informazioni su eventi meteo e clima recenti, tendenze climatiche e variabili sulla probabilità di estrema violenza (siccità, onde di calore, inondazioni, ecc.) a livello locale e regionale.

La sicurezza alimentare, i rischi sanitari legati alle condizioni meteorologiche e le infrastrutture a cui dipendiamo per acqua, energia, rifugio e trasporti sono sensibili a tali estreme condizioni meteo. Di particolare importanza a questo proposito è la necessità di collocare l’occorrenza e la gravità degli eventi climatici recenti nel contesto delle condizioni sperimentate in passato. La comunicazione di tutte queste informazioni è meglio realizzata nell’ambito dei servizi per il clima, e per servizi efficaci, le osservazioni di alta qualità e quantità devono essere accessibili.

Il servizio di cambiamento climatico Copernico dell’Unione europea (C3S) è stato lanciato in modalità pre-operativa nel 2015. Il servizio è gestito in base ad un accordo di delega con la Commissione europea da parte del Centro europeo per le previsioni meteorologiche di medio periodo (ECMWF). Il servizio mira a trasformarsi in un’autorevole fonte di informazione sul clima dell’Europa, monitorare e prevedere cambiamenti nel clima terrestre e sostenere le strategie di adattamento e mitigazione. Il servizio C3S fornirà informazioni climatiche sui driver del cambiamento (ad esempio l’anidride carbonica) e sugli impatti (fusione di ghiaccio), coprendo in modo completo i componenti del sistema terrestre (atmosfera, oceano, terra, carbonio) in tempi temporali che vanno dai decenni a secoli. Il servizio fornirà anche indicatori climatici volti a sostenere le politiche di adattamento e mitigazione in settori specifici, tra cui l’agricoltura, la silvicoltura, la salute, l’energia, la gestione idrica e il turismo.

La filosofia sottostante del C3S è quella di costruire e integrare le capacità esistenti a livello nazionale, nonché quelle sviluppate attraverso una serie di progetti e iniziative di ricerca in materia di cambiamenti climatici.

Attualmente collaborano sessantasei servizi meteorologici nazionali europei (NMS), università e istituti.

Vedi il servizio Copernicus Climate Change Service

Via Rivista Geomedia

In questi giorni è invece stato rilasciato un potente dataset globale di monitoraggio del clima fino ad oggi, noto come la rianalisi del clima ERA5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*