MeshLab


MeshLab e un progetto Open Source estendibile per la lavorazione e la modifica delle mesh 3D. Il programma ha una serie di strumenti per l’editing, di controllo, di rendering e la conversazione delle maglie tridimensionali, con tanti filtri automatici per la pulizia delle mesh, come la rimozione delle mesh duplicate, o per le mesh senza il riferimento dei vertici, o con spigoli non molteplici.

MeshLab ha ancora strumenti di supporto di alta qualità per il remeshing sulla base di misura dell’errore quadrica, vari algoritmi per la ricostruzione di superficie dalle nuvole di punti. Comprende poi vari filtri per la lisciatura e strumenti per la curvatura di analisi e visualizzazione per la rimozione del rumore che si hanno quando si lavora su dati acquisiti.

MeshLab - schermata con nuvola di punti

MeshLab – schermata con nuvola di punti

Basato sulle librerie VCG è disponibile per i principali sistemi operativi Windows, MacOSX e Linux, e con funzionalità ridotte per iOS (iPhone, iPad) e Android.

Il software supporta diversi tipi di file, nello specifico importa file PLY, STL, OFF, OBJ, 3DS, COLLADA, PTX ed esporta oltre a quelli sopra citati anche in VRML, DXF, U3D.

MeshLab è un programma relativamente giovane, nato infatti nel 2005 come parte del FGT (Fondamenti di Grafica Tridimensionale) del Dipartimento dell’Università di Pisa (ebbene si è un progetto italiano) scritto all’inizio (come specificato nel sito) da un manipolo di studenti.

MeshLab viene utilizzaro in diversi contesti accademici e di ricerca eesndo un prodotto aperto ed estendibile, come la microbiologia, il patrimonio culturale, la ricostruzione delle superficie, la paleontologia.

MeshLab è utilizzabile anche per nuvole di punti grandi, anche se ho trovato delle difficoltà ad aprire alcuni file con più scansioni. Nel contesto trovo che sia un gran bel programma, paragonabile a quelli chiusi (e che costano…), poi ha degli aggiornamenti costanti è estendibile e sopratutto è open source. Usato insieme a Blender si possono avere risultati davvero impressionanti.

Qui riporto un videotutorial per muovere i primi passi:

Per chi volesse vedere gli altri tutorial basta andare sulla pagina YouTube di Mister P.’s MeshLab Tutorials ve ne sono davvero tanti.

Mentre QUI, si può scaricare un PDF che ci illustra 1 – Come diventare sviluppatori,; 2 – Come riportare i bug; 3 – Come rifattorizzare; 4 – La mailing list.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*