LibreUmbria Software libero nella PA 1


LibreUmbria è il progetto di Migrazione della PA (Pubblica Amministrazione) dell’Umbria dal software proprietario  alla piattaforma libera LibreOffice, sottoscritto dalla Priovincia di Perugi, di Terni, dalla’Azienda Sanitaria e dalla Regione Umbria, coordinati dal Consorzio SIR Umbria e dal centro di competenza sull’Open Source (CCOS) in collaborazione con la Document Foundation.

Open Source Logo

Open Source Logo

Ora il progetto LibreUmbria è pronto per la fase operativa con la migrazione a LibreOffice in alcuni ambiti della PA locale.

Il progetto LibreUmbria è stato studiato bene, con una step progressivo e assistito e la condivisione dei vari enti.

Ed hanno pensato di fare anche un ebook su come eseguire la migrazione, a partire dalla pianificazione, all’analisi della criticità ed alla risoluzione degli stessi, per fare vedere il modello ed essere da aiuto, stimolo e anche di collaborazione alle altre PA italiane che “spero” vogliono intraprendere il passaggio alle piattaforme Open Source.

Quella della migrazione alle piattaforme Open Source nella PA sia con OpenOffice che con LibreOffice sembra proseguire e con i precedenti di Trento che con un ddl che prevede nella provincia la diffusione del software libero e dei formati dati aperti e della Regione Puglia, che con una legge regionale approvata all’unanimità anche qui sull’uso del software libero e dell’open data.

Per maggiori informazioni sul software libero nella PA leggere anche:

l’Articolo 68 del Codice d’Amministrazione Digitale modificato dal Governo Monti sul software libero nella PA.

Solo quando la valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico dimostri l’impossibilita’ di accedere a soluzioni open source o gia’ sviluppate all’interno della pubblica amministrazione ad un prezzo inferiore, e’ consentita l’acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso. La valutazione di cui al presente comma e’ effettuata secondo le modalita’ e i criteri definiti dall’Agenzia per l’Italia Digitale, che, a richiesta di soggetti interessati, esprime altresi’ parere circa il loro rispetto.

Questa pagina di Wikipedia è una lista di casi rappresentativi di adozione di software libero e formati aperti da parte di aziende, scuole ed enti istituzionali nel mondo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “LibreUmbria Software libero nella PA